Robin Hood
Fiabe T. Savio

23/11/2019 Robin Hood

Genere: Fiabesco
Regia:
Lingua: Italiano
Durata: 110 minuti

Trama: Il gallo menestrello Cantagallo racconta che Robin Hood e Little John vivono nella foresta di Sherwood, rubando ai ricchi per dare ai poveri abitanti di Nottingham. Lo Sceriffo di Nottingham ed i suoi soldati spesso cercano di catturare e uccidere i due, ma falliscono ogni volta. Nel frattempo, il perfido Principe Giovanni ed il suo assistente Sir Biss arrivano a Nottingham. Sir Biss ha ipnotizzato il fratello del Principe Giovanni, Re Riccardo, convincendolo a partire per le Crociate, permettendo al Principe Giovanni di prenderne il trono. Purtroppo il principe è avido, siccome opprime i poveri con tasse ingiuste, e anche immaturo, dal momento che si succhia il pollice ogni volta che viene nominata sua madre. Robin Hood e Little John derubano il Principe Giovanni travestendosi da chiromanti, spingendo così il principe a dare una grossa ricompensa a chi cattura Robin Hood e a far fare allo sceriffo l'esattore fiscale personale. Lo Sceriffo tassa il fabbro Otto ed una famiglia di conigli. Tuttavia, Robin restituisce un po' di soldi ai conigli, regalando il suo cappello ed il kit di tiro con l'arco al giovane coniglietto Saetta per il suo compleanno. Saetta ed i suoi amici testano il kit di tiro con l'arco, ma Saetta lancia una freccia nei terreni del castello di Lady Marian, nipote di Re Riccardo. i bambini si intrufolano all'interno, incontrando Lady Marian e la sua dama di compagnia Lady Cocca. Lady Marian rivela che lei e Robin erano fidanzati da piccoli, ma non si vedono da anni. Nel frattempo il buon frate Fra Tuck fa visita a Robin Hood e Little John nella foresta, spiegando che il Principe Giovanni ha indetto un torneo di tiro con l'arco ed il vincitore riceverà un bacio da Lady Marian. Robin accetta di partecipare al torneo travestito da cicogna, sotto il nome di Gambe a Spillo, mentre Little John si traveste come il Duca Reginald di Whisky per avvicinarsi al Principe Giovanni. Sir Biss scopre l'identità di Robin Hood, ma viene intrappolato in una botte di birra da Fra Tuck e Cantagallo. Robin Hood vince il torneo, ma il Principe Giovanni lo smaschera e lo condanna a morte. Il fuorilegge riesce però a scappare grazie all'aiuto di Little John e, nello scontro che ne segue, tutto il popolo si rifugia nella foresta di Sherwood. Nella foresta, Robin e Lady Marian si innamorano di nuovo, mentre i paesani si fanno beffe del Principe Giovanni, descrivendolo come "il Re Fasullo d'inghilterra". Il Principe Giovanni scopre tutto e, infuriato per l'insulto, triplica le tasse e imprigiona tutti gli abitanti della città, siccome non possono permettersi di pagare. Lo Sceriffo visita la chiesa di Fra Tuck per rubare dalla cassetta delle elemosine, facendo infuriare il frate, che viene arrestato. Il Principe Giovanni prevede di impiccare Fra Tuck per attirare Robin Hood in un'altra trappola e ucciderlo. Robin Hood e Little John si intrufolano nottetempo nel castello. Mentre Little John libera i prigionieri, Robin ruba le tasse al Principe Giovanni, ma Sir Biss si sveglia trovando l'eroe in fuga. Tutti i detenuti riescono a fuggire con i soldi, ma Robin, per salvare la sorellina di Saetta, rimasta indietro, viene confinato fra le mura del castello e preso di mira dai soldati. Lo Sceriffo mette alle strette Robin Hood dando fuoco al castello. Per salvarsi dall'incendio, Robin salta da una torre nel sottostante fossato d'acqua che circonda il castello. Little John e Saetta guardano la pozza bersagliata dalle frecce con Robin Hood al di sotto, ma poco dopo l'eroe emerge incolume. Il Principe Giovanni si dispera e viene preso da una rabbia cieca quando Sir Biss sottolinea che il castello di sua madre è in fiamme. Re Riccardo torna in Inghilterra, mettendo il fratello ed i suoi scagnozzi ai lavori forzati e permettendo a Robin Hood e Lady Marian di sposarsi e lasciare Nottingham con Little John e Saetta al seguito

Con: Nunzia Sosito, Antonio Sposito, Danilo Zisa

Trailer


Indiegeno 2020
Indiegeno

07/08/2020 Indiegeno 2020

Regia: Leave Srl
Lingua: Italiano/Inglese - Età: 14
Durata: 240 minuti

Trama: indiegeno fest, il festival organizzato da Leave Music, annuncia nuovi protagonisti della prossima edizione, che si terrà dal 2 all’8 agosto nel Golfo di Patti (me). Oltre al già annunciato carl brave, ecco gli altri artisti che saranno sul palco per Indiegeno on the beach: canova, clavdio, franco126 e fulminacci daranno vita al capitolo più esuberante del festival. i canova hanno dato seguito al debut album Avete Ragione Tutti con il nuovo Vivi Per Sempre, uscito il 1° marzo. L’album, così come il precedente, non è un concept bensì una raccolta di canzoni figlie di momenti diversi e di circostanze e ispirazioni a sé stanti. Le canzoni che abitano Vivi Per Sempre oscillano tra il pop super catchy della scrittura di Mobrici e il rock ruvido ma armonioso della band milanese. Ci sono i sentimenti, le notti insonni, le rincorse, le sigarette, le bevute, le domeniche noiose, ma anche l’infanzia, la vita appunto, e la morte. franco126 porterà sul palco il disco d’esordio solista Stanza Singola, uscito il 25 gennaio. Le dieci tracce che lo compongono sono il risultato di un’evoluzione stilistica di Franco, sia nella scrittura dei testi, sia nel concepimento sonoro dei brani. Un nuovo capitolo che ha trovato linfa creativa nel sodalizio con Stefano Ceri, già al lavoro con Frah Quintale, dedito alla produzione artistica dell’album. Il risultato è un disco cantautorale contemporaneo, che si riflette con personalità nelle radici della canzone italiana degli anni settanta e ottanta. i trascorsi rap di Franco e il suo inconfondibile timbro vocale conferiscono ulteriore unicità ai brani. Oltre agli artisti che, con i nuovi capitoli discografici, hanno confermato il successo e le qualità mostrate con i precedenti lavori, Indiegeno Fest anche quest’anno darà spazio alle nuove promesse del panorama musicale italiano, ecco quindi i primi due nomi: clavdio efulminacci. clavdio è la nuova scoperta di casa Bomba Dischi. Voce profonda e testi sospesi tra ironia e amarezza. Il suo brano d’esordio “cuore” ha colpito subito nel segno entrando nel circuito radio mainstream e mietendo milioni di visualizzazioni sulle piattaforme digitali. Insieme ai singoli successivi, “ricordi” e “nacchere”, è stata una vera e propria rivelazione che ancora deve esprimere appieno il potenziale di Togliatti Boulevard, il suo album d’esordio in uscita il 29 marzo. fulminacci, classe 1997, arriva dalla periferia romana e fa parte della famiglia Maciste Dischi. è un artista di rottura, spiazzante per la sua versatilità e per la sua brillantezza, libero pensatore e spensierato musicista come sa essere chi nasce sul finire degli anni 90, lucido, cinico e poetico come i cantautori degli anni 70. Come ogni edizione il pubblico vivrà diverse esperienze musicali, passando dal main stage sulla spiaggia (2/4 agosto) all’intimità della riserva naturale (7 agosto), passeggiando tra le vie del centro storico (5/6 agosto) o seduti sui gradini dello storico teatro di Tindari (8 agosto) Condivisione, passione, adrenalina. Indiegeno Fest 2019 sarà tutto questo. #indiegenofest2019 Anche quest’anno Indiegeno Fest si riconferma partner del Primo Maggio a Roma

Con: Daniele Silvestri, Yaman, Alessio, Ninetto

Trailer


I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.